Seguimi su:
AB Vacanze Trapani

Ricetta Pasta con le sarde

Fotoricetta Pasta con le sarde tipica Siciliana
Fotoricetta Pasta con le sarde tipica Siciliana
Fotoricetta Pasta con le sarde tipica Siciliana
Fotoricetta Pasta con le sarde tipica Siciliana

Pasta con le sarde

  • Porzioni: Per 4 persone
  • Tempo preparazione: 01h 30m
  • Tempo cottura: 20m
  • Tempo totale: 01h 50m
Valuta la ricetta :

Descrizione:

Ad inventarla un cuoco di cui purtroppo non si conosce neppure il nome. Il periodo storico è quello del IX secolo d.C, a cavallo tra la dominazione bizantina e quella araba. Tutto ha inizio quando il comandante Eufemio da Messina decide di guidare alcuni ribelli, nel tentativo di scacciare gli invasori, ma viene catturato e in seguito cacciato via, con l’accusa di essersi innamorato di una suora e di avere cercato di convincerla ad abbandonare i voti. Più che un’accusa sembra un pretesto, ma fatto sta che Eufemio trova riparo in Africa e, mosso da spirito di vendetta, si allea con i Saraceni e guida le loro flotte alla conquista della Sicilia. Il cuoco entra in scena quanto la flotta sbarca a Mazzara del Vallo. Dovendo sfamare i soldati affamati il povero cuoco fu costretto ad utilizzare gli ingredienti a disposizione: quelli forniti dalla Sicilia, come appunto la pasta, le sarde ed il finocchietto, e quelli forniti dagli stessi arabi, come lo zafferano. Quello che ne viene fuori è un primo piatto buonissimo. 

Istruzioni preparazione:

Pulite le sarde; apritele a libro e diliscatele. Risciacquatele con cura e spezzettatele grossolanamente. Lavate il finocchietto, dopo aver eliminato i gambi più duri e lessatelo in acqua salata. Sgocciolatelo, tenendo da parte il liquido di cottura, e tritatelo finemente.
Fate appassire un trito di cipolla, in un tegame, con 1/2 bicchiere d’olio. Aggiungete le acciughe dissalate (o i filetti sgocciolati) e scioglietele nel condimento. Unite, quindi, i pinoli, il finocchietto, l’uvetta e le sarde e lasciate insaporire tutto mescolando. Bagnate con poco vino e aspettate che evapori;
poi, versate 1 bicchiere d’acqua di cottura della verdura, in cui avrete sciolto lo zafferano; salate, pepate e cuocete dolcemente per circa 20 minuti. Lessate la pasta nel liquido tenuto da parte; scolatela al dente e conditela con il sugo preparato. Cospargetela con una manciata di pangrattato
abbrustolito e fate riposare per una decina di minuti, prima di servire. 

E viri chi mangi...!!!

Vuoi gustare i succulenti sapori del territorio trapanese?

Il vero ingrediente segreto è l’amore per la mia terra