Seguimi su:
AB Vacanze Trapani

Isola di Marettimo versante nord

Isola di Marettimo versante nord

Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord
Isola di Marettimo versante nord

COSA FARAI IN 8 ORE

Marettimo è un’isola alta quasi 700 metri, il cui nome viene dai leggendari falconi per la caccia, che Federico II veniva a catturare proprio qui. La salita alla cima richiede due ore. Partendo dal paese una strada lastricata in pietra entra e percorre il bosco fino ad arrivare al sito. La salita dalla via "normale", un sentiero scavato dall'acqua piovana, non ha molta difficoltà tecnica, ma consente di immergersi letteralmente in una natura aspra ed incontaminata, avvolti dagli aromi del mare e del rosmarino. L'isola di Marettimo è stata definita paradiso del trekking da importanti testate giornalistiche nazionali. Un parere avvalorato dalle centinaia di trekker che affrontano gli incantevoli sentieri di questo gioiello delle isole Egadi. Un posto come questo, dei sentieri densi di particolari e scorci unici, vanno affrontati con un amico, innamorato di questa terra e pronto a raccontarla.

COSA TI ASPETTA
- La partenza avverrà dal paese.
- Il primo tratto sarà quello che, per ripidità, porterà subito a temperatura i muscoli delle gambe.
- Giunti alle “Case Romane” effettueremo una sosta con visita all'interno della piccola chiesetta che domina il piccolo borgo.
- Una volta ripresa la marcia e risalendo il monte dai canali scavati naturalmente dall'acqua, giungeremo al punto più alto dell'isola. Quota 686 mt slm. Lì effettueremo una pausa pranzo e dopo circa un'ora riprenderemo la discesa.
- Imboccheremo il sentiero che da Pizzo Falcone ci porterà a Punta Troia passando per il canyon.
- Quello lì sarà il passaggio più delicato a causa del stretti e ripidi percorsi (ma sempre in sicurezza).
- Arrivati a Punta Troia saliremo sul Castello dal quale si potranno ammirare i panorami che visivamente ci investiranno. Saremo i protagonisti delle immagini di un panorama sicuramente se non il più bello, tra i più strepitosi di tutta la nostra vita.
- Salvo complicazione meteo, ci faremo venire a prendere da un amico mio in barca, che, prima di rientrare in paese ci farà visitare due grotte marine: La grotta del Tuono e la grotta del Cammello.
- Rientro in paese previsto alle ore 17.00 circa.

INFORMAZIONI UTILI
- Abbigliamento da Trekking idoneo alla stagione;
- Maglia di ricambio;
- Giubbino antivento/pioggia;
- Scarpe da Trekking alte;
- Bastoni da Trekking (consigliati);
- Copri capo ed occhiali da sole;
- Acqua (litri 2 a persona);
- Frutta secca e/o barrette energetiche e/o crackers;
- Escursione fattibile da 1 a 40 Pax (il gruppo può essere composto da più persone non conoscenti);
- È possibile chiedere la disponibilità dell'escursione in esclusiva;
- Durata dell'escursione 8/9 ore circa.

TIPOLOGIA PERCORSO (ad anello)
- Sentiero;
- Mulattiera;
- Escursione molto impegnativa, pertanto è consigliata esclusivamente a persone con ottima agilità e resistenza fisica.

INFO SULLA LOCALITÀ

Marettimo paese: A nove miglia ad ovest di Favignana, Marettimo è la più lontana e la più selvaggia delle tre isole Egadi. Con le sue splendide grotte ed i sentieri di montagna offre al visitatore l’occasione di ritrovarsi in perfetta simbiosi con la natura. Il paesino abitato da pescatori, si anima nei mesi estivi di giovani che tornano nei luoghi d'origine e turisti che ne esplorano i paesaggi incontaminati. Non ci sono automobili né altri mezzi... l'unico rumore percettibile è quello del mare.

Case Romane: In questo meraviglioso e interessante sito archeologico, oltre a fare un salto nel passato, si può godere una splendida vista di Marettimo e delle altre isole dell’arcipelago. I due antichi edifici sono localizzati su di un pianoro, in una posizione che nell’antichità aveva sicuramente ragioni strategiche, infatti da quel punto si scorgono chiaramente a sinistra, messi praticamente in linea, l'isola di Levanzo, Trapani città e Monte Erice. Sulla destra l'Isola di Favignana ed ancora più a destra Marsala città. Gli edifici del sito sono di natura diverse: le case romane di tipo militare mentre la chiesetta bizantina ha peculiarità religiose. Alle spalle la montagna con la fitta vegetazione.

Pizzo Falcone: Tra la macchia mediterranea e le fioriture, si possono ammirare scorci di paesaggi incantati e con un pò di fortuna incrociare esemplari di mufloni. Una volta raggiunta la vetta il panorama è mozzafiato. A nord l'asse montuoso dell'isola che si allunga su se stesso, a sud il canyon dell'isola a strapiombo sul mare, ad est il paese, il castello di Punta Troia, le isole Egadi, Erice e la città di Trapani.

Punta Troia: Un piccolo e ripido sentiero scende e si snoda tra il canyon dell'isola giungendo al Castello di Punta Troia, sito nell'omonimo promontorio dell’isola, a strapiombo sul mare. Antico punto di avvistamento, permette di vedere due dei quattro lati dell'isola. A differenza dei forti di Favignana, il castello di Punta Troia è stato recentemente ristrutturato ed è aperto al pubblico. Grandi pareti rocciose e una fitta vegetazione caratterizzano questo luogo. Da Punta Troia per rientrare in paese a piedi un sentiero costeggia le pareti dell'isola fino ad arrivare allo scalo vecchio.

Richiedi informazioni

Autorizzazione Privacy ai sensi D.Lgs 196/2003
Iscriviti alla nostra newsletter

Altre escursioni